Nick La Rocca “The World’s First Man in Jazz” – BB Palermo Centro

Nick La Rocca “The World’s First Man in Jazz” – BB Palermo Centro

Esiste un legame fortissimo tra la musica “black” e la nostra isola, basti pensare che di origini Siciliane sono personaggi come come Nick La Rocca e Louis Prima, solo per citarne un paio ed oggi con questo articolo vogliamo raccontarvi qualche curiosità sul primo riservandoci di scrivere in futuro sul secondo.
Dominic James La Rocca, detto Nick (New Orleans, 11 aprile 1889 – New Orleans, 22 febbraio 1961), è stato il pioniere del jazz classico, di cui fu uno dei primi interpreti in assoluto. Come già anticipato le sue origini erano siciliane, il padre, Girolamo La Rocca, era di Salaparuta mentre la mamma proveniva da Poggioreale, in provincia di Trapani. Nel 1880 i La Rocca emigrarono a New Orleans, città diventata una colonia di siciliani soprattutto agricoltori a cui veniva regalata la terra purchè volessero coltivarla. Nick era figlio d’arte poiché il padre Girolamo era un bravo cornettista, ma aveva proibito al figlio di dedicarsi a tempo pieno alla musica; un giorno tornando a casa il padre lo sorprese a soffiare dentro la sua tromba, gli tolse lo strumento dalle mani e lo rimproverò aspramente vietandogli di farlo ancora. “La musica è una bella cosa ma non ti dà da mangiare…” replicò, “…Io voglio che tu da grande diventi dottore così solo dopo la morte del padre, avvenuta nel 1904, Nick appena quindicenne cominciò dare libero sfogo alla propria passione.
Nick suonò le sue prime composizioni davanti alla cassiera del teatro vicino a casa sua, nel 1915 entrò a far parte del gruppo di Johnny Stein e l’anno seguente il gruppo si recò a Chicago, dove si esibì in più date allo Schiller’s Café. A metà dell’anno tre musicisti lasciarono Stein e formarono un nuovo gruppo, l’Original Dixieland Jass Band di cui Nick ne era il leader.
Nel 1917 il gruppo si recò a New York per effettuare delle registrazioni negli studi della Victor. Il 26 febbraio fu inciso il brano Livery Stable Blues che è considerato il primo disco di jazz, vendette oltre un milione di copie in poche settimane segnando di fatto la storia della musica.
Tra i Live più esclusivi della band si segnalano quello del 1919 come orchestra ufficiale al ricevimento organizzato dalla Victor per festeggiare la firma del Trattato di Versailles e quello davanti la famiglia reale di Giorgio V che ne rimase estremamente affascinato.
Nel 1920 La Rocca fece il suo rientro trionfale a New York dove continuò vivissimo il suo successo. Nel 1922 cominciò a manifestarsi un forte movimento contro il jazz: la classe dirigente accusava la nuova musica di generare comportamenti illegali come il consumo di alcol, la delinquenza e la prostituzione, così decisero di trasferirsi ad Harlem, dove il jazz invece era più tollerato. L’anno cupo fu il 1925, furono approvate le leggi anti-jazz e la band decise di sciogliersi, occorrerà attendere più di 10 anni per riprendere le attività musicali.
Nel 1936 Nick decise di ritornare sulle scene, ma non riuscì ad emergere per cui nel 1938 decise di sciogliere la band definitivamente. Nello stesso anno, l’ormai cinquantenne Nick, che si considerava il “Creatore del jazz” ed il “Cristoforo Colombo della musica”, conobbe Ruth, una giovane ragazza di 20 anni, si sposarono ed ebbero ben sei figli, tra i quali uno, James Dominik, continuò la carriera del padre.
Nick La Rocca muore a New Orleans nel 1961 all’età di 72 anni.

Info tratte dal Web

➡️Vi aspettiamo In Sicilia

➡️The City Art Lovers of Palermo
➡️The Revolution Hospitality